Politica di rimborso delle miglia per i volontari senza scopo di lucro

Molte organizzazioni non profit, grandi e piccole, si affidano a pochi o migliaia di volontari per aiutarle ad amministrare i servizi che forniscono o per supportare le operazioni. I volontari non sono retribuiti e dedicano liberamente il loro tempo e il loro impegno. Poiché la maggior parte delle organizzazioni non profit non dispone di veicoli di trasporto per spostare i volontari, i volontari spesso devono utilizzare i propri veicoli. Alcune organizzazioni non profit rimborsano i volontari alla tariffa IRS o superiore. Altri non rimborsano affatto.

Percentuale di miglia IRS

L'Internal Revenue Service pubblica una tariffa chilometrica standard che gli enti di beneficenza possono utilizzare a fini di rimborso. Questa tariffa viene utilizzata anche dai volontari senza scopo di lucro per richiedere una detrazione sulle tasse personali quando non vengono rimborsati per gli sforzi di beneficenza che coinvolgono la guida delle loro auto. La tariffa dell'IRS per i volontari senza scopo di lucro è di 14 centesimi per miglio per il 2013. Sebbene la tariffa per il chilometraggio per scopi commerciali venga aggiornata annualmente con il costo del gas e delle riparazioni auto, la tariffa di beneficenza non ha subito variazioni negli anni.

Rimborso miglia

Un ente di beneficenza può avere una politica di rimborso dei volontari a un tasso superiore a quello dell'IRS. Ad esempio, un ente di beneficenza può rimborsare i volontari a $ 0,25 per miglio. Tuttavia, quando un ente di beneficenza fa questo, i volontari devono segnalare la differenza tra le aliquote come reddito nella dichiarazione dei redditi personale.

Rimborso

Quando gli enti di beneficenza rimborsano i volontari per il chilometraggio, generalmente richiedono al volontario di completare, firmare e inviare una tabella del chilometraggio. Il volontario deve registrare il chilometraggio iniziale sul contachilometri della sua auto, la sua destinazione di partenza, il chilometraggio finale e la destinazione finale. L'IRS richiede tali registri per scopi di controllo, quindi un ente di beneficenza che non li rende un requisito per il rimborso rischia di incontrare problemi in un controllo.

Nessun rimborso

Molti enti di beneficenza minori non rimborsano il chilometraggio o rimborsano solo i volontari che guidano per un certo numero di miglia. Altri possono rimborsare rigorosamente caso per caso quando è coinvolto un chilometraggio significativo. Gli enti di beneficenza utili che non rimborsano il chilometraggio incoraggiano i loro volontari a tenere un registro del loro chilometraggio e includono il totale come spesa di beneficenza deducibile quando presentano le tasse. Questa detrazione è disponibile solo per i volontari che elencano.

Preoccupazione

Alcune organizzazioni non profit temono che il divario di $ 0,425 tra la tariffa di $ 0,565 consentita per miglio nel 2012 per i veicoli guidati per affari e lo $ 0,14 consentito per la guida di beneficenza sia troppo grande. L'aliquota dell'IRS non copre gli importi significativi che i volontari spendono per la benzina con l'elevato chilometraggio che si verifica durante la guida nelle aree rurali o la consegna di pasti o medicinali alle persone costrette a casa, scoraggiando i volontari che hanno un reddito fisso o altre pressioni sul reddito dovute al volontariato.

messaggi recenti