La differenza tra discriminazione e preferenza

I datori di lavoro hanno spesso una serie di standard e linee guida che stabiliscono i tipi di lavoratori che preferiscono assumere. C'è una linea sottile, tuttavia, tra preferenza e discriminazione. I datori di lavoro devono stare attenti a evitare di mostrare un trattamento preferenziale a un candidato o attuale dipendente a causa di caratteristiche o tratti personali. Le leggi sulle pari opportunità definiscono la portata della discriminazione sul posto di lavoro. I datori di lavoro potrebbero essere ritenuti responsabili della discriminazione se il trattamento preferenziale oltrepassa i confini delle pari opportunità.

Descrizione

Discriminare qualcuno significa individuare o fare una distinzione su quella persona. La discriminazione diventa illegale sul posto di lavoro quando un datore di lavoro tratta un candidato o un dipendente in modo sfavorevole a causa delle caratteristiche coperte dalle leggi sulle pari opportunità di lavoro come il Civil Rights Act e l'Americans With Disabilities Act. Queste caratteristiche includono razza, sesso, etnia, gravidanza, stato civile, disabilità e orientamento sessuale. Il trattamento sfavorevole include la mancata assunzione o promozione di un lavoratore o la cessazione di un dipendente a causa di queste caratteristiche. La preferenza, d'altra parte, è preferire qualcuno o qualcosa rispetto a un altro. La preferenza si trasforma in discriminazione se viene mostrato un trattamento favorevole a una persona sulla base di tratti e caratteristiche individuali coperti dalle leggi sulle pari opportunità.

Differenze

La differenza principale tra discriminazione e preferenza è che la discriminazione è illegale. Sebbene la preferenza possa essere disapprovata in molte situazioni lavorative, non è illegale. Ad esempio, un datore di lavoro può individuare ed elogiare pubblicamente un artista stellare che raggiunge costantemente obiettivi di vendita. Il datore di lavoro può mostrare favoritismi nei confronti di questo dipendente e fornirgli ulteriori responsabilità. Il datore di lavoro dimostra preferenza ma non discriminazione perché il comportamento si basa sull'andamento delle vendite e non distingue caratteristiche razziali o di genere.

Conseguenze

La discriminazione ha conseguenze legali, mentre la preferenza può portare a conseguenze sociali e conflitti tra uffici. I datori di lavoro che discriminano un dipendente o un candidato per qualsiasi motivo violano la legge. I datori di lavoro che discriminano sono soggetti a azioni legali, multe e sanzioni da parte della Commissione per le pari opportunità di lavoro. I datori di lavoro che mostrano un trattamento preferenziale, tuttavia, non sono soggetti ad azioni legali a meno che la preferenza non si trasformi in qualche modo in discriminazione. Ad esempio, un datore di lavoro che assume e promuove solo uomini e non riesce a dare pari opportunità alle donne viola la legge. In alcuni casi, la preferenza porta a risentimento e controversie sul posto di lavoro perché i dipendenti si sentono non inclusi nelle attività e nelle decisioni sul posto di lavoro.

Prevenzione

Uno dei modi più efficaci per prevenire la discriminazione e la preferenza per evitare problemi legali e il morale basso dell'ufficio è trattare tutti allo stesso modo. Tutti i lavoratori hanno stili ed esperienze lavorative diversi che i datori di lavoro possono utilizzare a proprio vantaggio. I manager possono implementare programmi di formazione e formazione sulla diversità e l'inclusione per promuovere l'equità e l'indifferenza e prevenire la discriminazione sul posto di lavoro.

messaggi recenti