Cos'è la dottrina della negligenza aziendale?

La negligenza aziendale è la dottrina legale che ritiene le strutture sanitarie, come ospedali, case di cura e cliniche mediche, responsabili del benessere dei pazienti. Se una struttura sanitaria non riesce a mantenere un ambiente pulito e sicuro, assume dipendenti competenti e adeguatamente formati, supervisiona l'assistenza e attua politiche di sicurezza, può essere ritenuta responsabile per qualsiasi danno ai pazienti. Qualsiasi piccola azienda sanitaria potrebbe teoricamente essere citata in giudizio in base alla dottrina della negligenza aziendale per le azioni dei suoi dipendenti.

Capitano della nave

Prima dello sviluppo della dottrina della negligenza aziendale, i tribunali generalmente ritenevano gli ospedali immuni da azioni legali per negligenza. Invece, il chirurgo che presiedeva era solitamente ritenuto responsabile delle azioni di tutti i dipendenti sotto la sua supervisione secondo la dottrina del "capitano della nave". Questa dottrina non riusciva a riconoscere che molti dipendenti non erano sotto la diretta supervisione di un chirurgo. Nel caso della Pennsylvania del 1991 di Thompson v. Nason Hospital, il tribunale ha stabilito che l'ospedale era responsabile delle azioni di tutti i chirurghi che vi esercitavano, anche se non erano tecnicamente considerati dipendenti dell'ospedale. Questa sentenza ha stabilito la dottrina della negligenza aziendale, che da allora è stata confermata e ampliata da una serie di tribunali in altri stati.

Negligenza aziendale

In Thompson v. Nason Hospital, la corte ha stabilito che un ospedale che fornisce servizi sanitari completi non può rivendicare l'immunità da cause legali per negligenza, perché l'ospedale ha obblighi nei confronti dei clienti che non possono essere delegati ai chirurghi. L'ospedale è obbligato a utilizzare uno standard di cura ragionevole per la manutenzione delle strutture, quindi è responsabile per qualsiasi danno causato da una mancata osservanza di tali norme. L'ospedale è obbligato ad assumere chirurghi competenti e a supervisionare il loro comportamento, quindi è responsabile degli errori commessi da quei chirurghi se non presta la dovuta cura nell'assunzione e nella supervisione. L'ospedale è obbligato a stabilire politiche per proteggere i pazienti e sostenere un elevato standard di cura, quindi è responsabile se un paziente viene danneggiato a causa della mancanza di tale politica. Successive sentenze dei tribunali ampliarono la dottrina della negligenza aziendale per applicarla a molte piccole strutture sanitarie.

Case di cura

Nel caso del 1998 di Shannon v. McNulty, la corte ha ritenuto che la dottrina della negligenza aziendale potesse essere applicata alle organizzazioni di gestione della salute, o HMO. Nel caso del 2010 Scampone v. Grane Health Care Company, la Corte Superiore della Pennsylvania ha stabilito che la dottrina della negligenza aziendale si applica alle strutture di assistenza infermieristica e agli ospedali, perché forniscono anche un'assistenza medica completa. Ora che i tribunali hanno iniziato ad applicare la dottrina a entità molto più piccole di un ospedale, ha il potenziale per colpire molte piccole imprese.

Implicazioni

Qualsiasi piccola impresa sanitaria - inclusa una casa di cura, una clinica medica o uno studio dentistico - potrebbe teoricamente essere citata in giudizio secondo la dottrina della negligenza aziendale per le azioni dei suoi dipendenti. I tribunali potrebbero decidere che la dottrina non si applica all'attività in questione, ma un'azienda non ha modo di saperlo in anticipo. In casi passati come Scampone v. Grane, il tribunale ha basato la sua decisione sul livello di assistenza fornito dalla struttura. Qualsiasi struttura che fornisce assistenza completa può essere ritenuta responsabile in base a questa dottrina e la definizione di assistenza completa è stata ampliata nel tempo.

messaggi recenti